//Sangiovese superiore

Sangiovese superiore

D.O.C.

 12,00  9,00 IVA inc.

Categoria: Tag: , ,
Varietà uve: Sangiovese
Dati analitici: Vino rosso fermo secco
Grado alcolico: 12.5% Vol.
Zona di produzione: Colline forlivesi
Terreno: Argilloso/calcareo
Altitudine: 130/150 m.s.l.m.
Resa uva: 110 qli/ha
Pigiatura: Soffice, fermentazione a temperatura controllata
Conservazione: In serbatoi inox

Caratteristiche organolettiche

Colore: Rosso rubino, talora con riflessi violacei.
Sapore: Secco, asciutto e armonico, lievemente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo, col trascorrere del tempo si affina aggiungendo una piacevole armonia.

Consigli del produttore

Vino adatto a antipasti a base di salumi, arrosti di carne rosse, cacciagione, selvaggina e bistecche alla griglia. Si consiglia di scaraffare prima di servirlo, in modo da esaltare le caratteristiche olfattive del prodotto.
Temperatura di servizio: 18-20 °C.

Descrizione

Il Sangiovese Superiore di Romagna (Sanzves nel dialetto di zona) è un vino DOC la cui produzione è consentita nelle province di Forlì, Ravenna, Rimini e Bologna.

Dal 1967 ha ottenuto la denominazione di origine controllata e nel 2011 il vitigno è stato rinominato Romagna Sangiovese.

Le peculiarità del Sangiovese Superiore di Romagna richiamano il carattere schietto e ruvido ma allo stesso tempo aperto e delicato del popolo romagnolo. La denominazione di Superiore si ottiene solo se prodotto in zone circoscritte e se la gradazione minima è di 12°.

Il Sangiovese Superiore di Romagna viene prodotto in purezza con le omonime uve ed eventualmente con l’aggiunta di piccole quantità (contenute nell’ordine di grandezza del 15%) di altri uvaggi sempre a bacca rossa e rigorosamente della zona. Questo vitigno vigoroso predilige i terreni calcarei e aridii ed i climi poco umidi e non eccessivamente freddi.

La maturazione delle uve è generalmente tardiva e dipende dall’andamento climatico. Se matura troppo a lungo tende ad aumentare di acidità. Per quanto riguarda le forme di allevamento si adatta a diverse soluzioni, è fondamentale che i grappoli arieggino correttamente per scongiurare diverse patologie degli acini.

Sangiovese dall’85% al 100%; possono concorrere, da soli o congiuntamente fino ad un massimo del 15% altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna. Per i nuovi impianti la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a ceppi per ettaro: 3.300 per il Sangiovese di Romagna; 3.700 per il Sangiovese Superiore di Romagna.

Area di produzione: parte delle province di Forlì-Cesena, Ravenna, Bologna, Rimini. Produzione max. per ettaro: 110 q.li con resa in vino massima del 65%. Qualora la resa massima uva-vino superi detto limite l’eccedenza non avrà diritto alla D.O.C.

Il colore del Sangiovese Superiore di Romagna è rosso rubino e in alcuni casi presenta riflessi violacei.
Ha un profumo delicato che ricorda la viola mentre il suo sapore è armonico e secco con un retrogusto amarognolo.

L’ideale è accompagnarlo a pasta fresca romagnola, carni rosse e formaggi stagionati.

Informazioni aggiuntive

Peso 1.2 kg